NEWS

Asta benefica per Klaudia al Giro di Polonia

Asta benefica per Klaudia al Giro di Polonia

Seguire la 6^tappa del Giro di Polonia direttamente dall’ammiraglia della Lampre-Merida è il premio che attende il vincitore dell’asta di beneficenza.
“Un’esperienza di questo tipo rimarrà per sempre nella memoria del vincitore”, sottolinea Czesław Lang, direttore generale della corsa. I soldi raccolti con l’asta, che è iniziata il 29 luglio, serviranno per continuare le costose terapie alle quali si deve sottoporre Klaudia Pająk. Klaudia è una bimba di 8 anni da Pisarzowice, lo stesso paese di Przemyslaw Niemiec.
“Tutti noi della Lampre-Merida saremo gregari di Klaudia nella sua corsa”, spiega Marco Marzano, direttore sportivo della squadra.

“Nel 2013 tutto il Team Lampre-Merida è stato coinvolto dalla storia di Klaudia, sperando che il piccolo aiuto che la squadra ha dato alla causa potesse essere un grande sostegno per lei”, – dice Marzano.

Quella di quest’anno, è la seconda asta benefica che viene organizzata con l’aiuto del team, “Sapendo che Klaudia sta ancora lottando per vincere la sua corsa contro il cancro, non abbiamo avuto alcun dubbio nel considerare ancora necessario il nostro supporto”, aggiunge il ds della LAMPRE-MERIDA “Tutti noi del team saremo i gregari di Klaudia nella sua corsa”.
Dal novembre 2011, Klaudia sta lottando coraggiosamente contro un tumore maligno e ancora oggi necessita di sottoporsi in Germania a costose terapie.

L’intero ricavato dell’asta (http://allegro.pl/show_item.php?item=3408160964) contribuirà a supportare le terapie di Klaudia.
L’asta è organizzata da Merida Polonia e riceve l’appoggio da parte di Przemyslaw Niemiec, ambasciatore del marchio Merida in Polonia e della sua squadra LAMPRE-MERIDA, oltre che da parte degli organizzatori del Giro di Polonia e della Iskierka Foundation (fondazione che segue il caso di Klaudia).

Il vincitore dell’asta avrà la possibilità di vivere la 6^tappa del Giro di Polonia dall’ammiraglia della LAMPRE-MERIDA, oltre a ricevere direttamente da Niemiec prima della corsa una maglia blue-fucsia-verde autografata, un cappellino e una borraccia.

Pubblicato in Giro di Polonia

Pozzato prende il posto dell’infortunato Richeze

Pozzato prende il posto dell’infortunato Richeze

Cambio nella selezione della LAMPRE-MERIDA per la Clasica Ciclista San Sebastian.

Non riuscirà a essere al via della corsa basca Maximiliano Richeze: il corridore argentino sperava di potersi testare nella corsa World Tour dopo l’infortunio al ginocchio destro che l’aveva costretto al ritiro dal Tour de France, ma recenti e più approfonditi esami, resi necessari dal persistere del dolore all’arto infortunato, hanno evidenziato due microfratture trabecolari del condilo mediale del femore.
Tale diagnosi esclude la partecipazione di Richeze alla Clasica Ciclista San Sebastian.

Il posto di Richeze sarà preso da Filippo Pozzato (foto Bettini), il quale anticiperà così il rientro alle corse World Tour, inizialmente previsto all’Eneco Tour.

Questa la formazione aggiornata per la Clasica San Sebastian: Davide Cimolai, Kristijan Durasek, Elia Favilli, Nelson Oliveira, Jan Polanc, Filippo Pozzato, Josè Serpa Perez, Rafael Valls.

 

Pubblicato in Clasica San Sebastian

Horner capitano per il ritorno della LAMPRE-MERIDA negli USA

Horner capitano per il ritorno della LAMPRE-MERIDA negli USA

LAMPRE-MERIDA a stelle strisce nell’agosto 2014.
La formazione del team manager Brent Copeland prenderà parte, dal 4 al 10 agosto, al Tour of Utah, corsa a tappe statunitense di categoria 2.1.

A nove anni di distanza dall’ultima apparizione negli Stati Uniti (2005, San Francisco), i blu-fucsia-verdi esordiranno nel Tour of Utah e lo faranno potendo contare su un corridore molto amato: Chris Horner.
Il vincitore della Vuelta a Espana 2013 torna sulle strade dello Utah dove nella scorsa stagione aveva vinto la tappa di Snowbird e aveva ottenuto il 2° posto nella classifica generale.
Horner arriva al Tour of Utah dopo concluso al 17° posto il Tour de France.

Assieme a Horner, il ds della LAMPRE-MERIDA, Bruno Vicino, avrà a disposizione Winner Anacona, Valerio Conti, Luca Dodi, Andrea Palini, Luca Wackermann e gli stagisti Ilia Koshevoy e Andrea Vaccher.

Queste le 7 tappe della corsa:
- 1^tappa, lunedì 4 agosto: Cedar City-Cedar City
- 2^tappa, martedì 5 agosto: Panguitch-Torrey
- 3^tappa, mercoledì 6 agosto: Lehi-Miller Motorsport Park
- 4^tappa, giovedì 7 agosto: Ogden-Powder Mountain
- 5^tappa, venerdì 8 agosto: Evanston-Kamas
- 6^tappa, sabato 9 agosto: Salt Lake City-Snowbird
- 7^tappa, domenica 10 agosto: Park City-Park City

 

Pubblicato in Tour of Utah

Andrea Vaccher e Ilia Koshevoy in blu-fucsia-verde

Andrea Vaccher e Ilia Koshevoy in blu-fucsia-verde

Il Team LAMPRE-MERIDA annuncia di aver selezionato due stagisti per integrare, a partire dall’1 agosto 2014, il proprio organico: l’italiano Andrea Vaccher e il bielorusso Ilia Koshevoy.

Andrea Vaccher (nella foto, a sinistra, con la maglia dell’attuale squadra) è un passista scalatore, classe 1988, che nel proprio palmares vanta tre vittorie: Trofeo Edil C 2014, Coppa Varignana 2011 e Coppa Comune di Collecchio 2009.
Da segnalare i numerosi piazzamenti ottenuti, tra i quali i secondi posti nella Bassano-Montegrappa 2012, nella Piccola Sanremo 2013 e nella Coppa Varignana 2013.

Nato a Conegliano Veneto (Tv), 168 cm per 65 kg, Vaccher sa coniugare grinta, visione di corsa ed esperienza, tutte qualità che gli permetteranno di vivere in maniera proficua l’esperienza tra le fila della LAMPRE-MERIDA, offrendo il proprio contributo a supporto dei capitani blu-fucsia-verdi.

Nella stagione in corso, il giovane veneto fa parte dell’organico del Team Marchiol Emisfero Site.

Programma di corse: Tour of Utah (4-10 agosto), Coppa Bernocchi (16 settembre), Japan Cup (20 ottobre).

 

Ilia Koshevoy (nella foto, a destra) è nato in Bielorussia, nella capitale Minsk, nel 1991.

Dal 2011, ha corso in Italia nelle categorie dilettantistiche, togliendosi nelle ultime due stagioni importanti soddisfazioni: successo nel Gp Liberazione 2013 e quaterna di vittorie nel 2014 (con la maglia della GS Podenzano), imponendosi nella Coppa Penna, nella Coppa Martiri Lunatesi, nella Cronoscalata Gardone Val Trompia-Prati di Caregno e nella tappa Fossano-Sant’Anna di Vinadio del Giro delle Valli Cuneesi.
Nel 2013 è stato campione bielorusso su pista nella corsa a punti.

L’esperienza da stagista nella stagione in corso sarà preludio al passaggio ufficiale di Koshevoy tra i professionisti, previsto per il 2015, tra le fila della LAMPRE-MERIDA.

Programma di corse: Tour of Utah (4-10 agosto), Coppa Bernocchi (16 settembre), Tre Valli Varesine (18 settembre).

 

Pubblicato in Generica

Nuovo video dal Tour de France

Nuovo video dal Tour de France

Salite in macchina con i direttori sportivi Matxin e Pedrazzini e vivete una tappa del Tour de France sull’ammiraglia della LAMPRE-MERIDA.

Tutto questo nel più recente video pubblicato all’indirizzo http://www.teamlampremerida.com/videos/giornata-in-macchina-con-i-nostri-ds-al-tour-de-france-2014/

Pubblicato in Video

LAMPRE-MERIDA in Spagna e in Polonia

LAMPRE-MERIDA in Spagna e in Polonia

Archiviato il capitolo del Tour de France, la LAMPRE-MERIDA guarda già ai prossimi due appuntamenti World Tour, fissati in calendario tra neanche una settimana.

Il weekend  proporrà infatti alla squadra blu-fucsia-verde due eventi europei: sabato 2 agosto si correrà nei Paesi Baschi la Clasica Ciclista San Sebastian, mentre domenica 3 agosto inizierà il Giro di Polonia (finirà il 9 agosto).

Al via della Clasica Ciclista San Sebastian, la LAMPRE-MERIDA schiererà Davide Cimolai, Kristijan Durasek, Elia Favilli, Nelson Oliveira, Jan Polanc, Maximiliano Richeze, Josè Serpa, Rafael Valls.
La squadra sarà diretta in ammiraglia da Matxin, supportato dal meccanico Bortoluzzo, dai massaggiatori Capelli, Leboso e Redaelli e dal dottor Ronchi.

La corsa basca potrà essere il palcoscenico buono per Cimolai, Durasek, Oliveira e Serpa per provare a sfruttare la forma che li ha portati a disputare con spirito combattivo l’ultima settimana del Tour de France. Il percorso della corsa basca si adatta bene alle caratteristiche dei quattro atleti, sorridendo anche alle qualità di Favilli e Polanc.
Richeze e Valls saranno in gara per valutare le rispettive condizioni dopo gli infortuni a causa dei quali hanno abbandonato la Grande Boucle.

Al Giro di Polonia saranno invece di scena Niccolò Bonifazio, Matteo Bono, Mattia Cattaneo, Damiano Cunego, Roberto Ferrari, Sacha Modolo, Manuele Mori e Przemyslaw Niemiec.
Nello staff tecnico opereranno i ds Maini e Marzano, i massaggiatori Chiodini, Napolitano e Santerini, i meccanici Possoni, San Emeterio e Viganò e il dottor De Grandi.

Squadra composta da tre anime per la corsa organizzata dal Lang Team: Niemiec, Cunego e Cattaneo uomini per le tappe più impegnative e con un occhio alla classifica; Bonifazio, Ferrari (al rientro dopo un periodo di pausa agonistica) e Modolo (ritorno alle corse dopo il ritiro dal Tour de France) ruote veloci; Bono e Mori uomini di esperienza in cabina di regia.

 

Pubblicato in Clasica San Sebastian, Giro di Polonia

Serpa attacca anche a Parigi, Horner 17° nella classifica finale

Serpa attacca anche a Parigi, Horner 17° nella classifica finale

Josè Rodolfo Serpa Perez, unico colombiano rimasto in gara in questo Tour de France, ha sottolineato ancora una volta le due parole che hanno caratterizzato l’ultima settimana di Grande Boucle della LAMPRE-MERIDA: grinta e attacco.

Il Leone di Bucaramanga è infatti andato in fuga anche nella frazione finale del Tour, la Evry-Paris (137,5 km), fuoriuscendo dal gruppo quando la corsa è entrata sulle strade della capitale transalpina. Serpa ha attaccato in compagnia di Porte, Fonseca e Morkov a 30 km dal traguardo, resistendo in testa alla corsa fino a -11 km.
L’alta andatura del plotone, trascinato dalle squadre dei velocisti, ha impedito agli attaccanti di completare in maniera vincente la loro azione: epilogo in volata, con vittoria di Kittel su Kristoff.
Per la LAMPRE-MERIDA 17° posto di Cimolai.

Il bilancio dell’ultima giornata di Tour della formazione blu-fucsia-verde riporta anche il 17° posto di Chris Horner nella graduatoria generale, a 44’31″ dal vincitore Nibali: non male per un “ragazzo” di 42 anni che, a inizio aprile, era stato investito da un’auto, riportando fratture alle costole, uno pneumotorace e numerose ferite delle quali porta ancora le cicatrici.

Il team manager della LAMPRE-MERIDA, Brent Copeland, ha così riassunto la Grande Boucle della squadra: “In questo Tour de France non abbiamo avuto modo di vedere valorizzato il potenziale dei nostri uomini di punta come Rui Costa e Modolo, messi fuori gioco da indisposizioni.
Sfortuna a parte, per noi rimane l’orgoglio di aver provato sempre, in ogni occasione, a sfruttare la grande visibilità che viene offerta da un palcoscenico prestigioso come la Grande Boucle: penso all’ultima settimana, corsa da noi sempre all’attacco con Durasek, Serpa e Horner.
Parlando di Chris, ricordo che tre mesi fa era in ospedale con gravi ferite, mentre oggi è a Parigi tra i migliori 20 ciclisti della corsa francese: siamo soddisfatti per lui e per aver fatto parte del grande spettacolo del Tour de France”.

ORDINE D’ARRIVO
1- Kittel 3h20’50″
2- Kristoff s.t.
3- Navardauskas s.t.
4- Greipel s.t.
5- Renshaw s.t.
17- Cimolai s.t., 37- Horner 9″, 38- Oliveira s.t., 88- Durasek 24″, 89- Serpa s.t.

CLASSIFICA GENERALE FINALE
1- Nibali 89h59’06″
2- Peraud 7’37″
3- Pinot 8’15″
4- Valverde 9’40″
5- Van Garderen 11’24″
17- Horner 44’31″
46- Durasek 2h21’18″, 48- Serpa 2h29’06″, 87- Oliveira 3h30’06″, 163- Cimolai 5h11’58″

Pubblicato in Tour de France

Oliveira nella top 20 della crono, Horner difende il 17° posto nella generale

Oliveira nella top 20 della crono, Horner difende il 17° posto nella generale

La lunga cronometro individuale valevole come 20^tappa del Tour de France ha emesso due interessanti verdetti per il Team LAMPRE-MERIDA.

Il primo riguarda la classifica di tappa: Nelson Oliveira, completando i 54 km da Bergerac a Perigueux in 1h09’51″ (media 46,385 km/h), ha ottenuto la 17^posizione, entrando così nel novero dei 20 migliori cronomen della Grande Boucle. Il divario del campione nazionale portoghese dal vincitore della tappa, Tony Martin, è stato di 3’30″

L’altra indicazione giunta a fine tappa per la LAMPRE-MERIDA è stata la conferma del 17° posto nella classifica generale per Chris Horner.
Il vincitore della Vuelta a Espana 2013 ha completato la prova contro il tempo in 83^posizione (+7’16″), risultato che gli ha permesso di tenere a distanza Nieve (18° in classifica generale). Il 16° posto di Feillu è rimasto a 47″.

I corridori della LAMPRE-MERIDA hanno pedalato in sella alle bici Merida Warp TT (foto), indossando l’innovativo body Carbon Speedsuit con cerniera posteriore prodotto da Champion System e caschi da crono Kabuto, calzando scarpe Sidi.

CLASSIFICA DI TAPPA
1- Martin 1h06’21″
2- Dumoulin 1’39″
3- Barta 1’47″
4- Nibali 1’58″
5- Konig 2’02″
17- Oliveira 3’30″
48- Serpa 5’48″, 83- Horner 7’16″, 114- Durasek 8’06″, 129- Cimolai 8’56″

CLASSIFICA GENERALE
1- Nibali 86h37’52″
2- Peraud 7’52″
3- Pinot 8’24″
4- Valverde  9’55″
5- Van Garderen 11’44″
17- Horner 44’46″ 

Pubblicato in Tour de France

Horner evita le cadute e difende il 17° posto nella generale

Horner evita le cadute e difende il 17° posto nella generale

Mantiene la 17^posizione Chris Horner (foto Bettini) al termine della 19^tappa del Tour de France, 208,5 km da Mabourguet val d’Aourt a Bergerac.
Horner ha un vantaggio di 2’06″ su Nieve (18°), margine da amministrare nella crono di 54 km che vedrà impegnati sabato i corridori del Tour. Il ritardo al corridore che lo precede (Feillu, 16°) è di 52″.

Tornando alla 19^tappa, disputata sotto forti scrosci di pioggia, Horner ha raggiunto il traguardo in 38^posizione, evitando di essere coinvolto in una caduta, occorsa appena dopo il cartello dei -3 km, che ha spezzato il gruppo principale in tanti piccoli drappelli, favorendo la bella azione solitaria di Navardauskas, il cui scatto nel finale è stato premiato con la vittoria.
Il lituano è stato classificato con 7″ di vantaggio su tutti gli atleti che pedalavano nel plotone all’ingresso negli ultimi 3 km: per la LAMPRE-MERIDA erano presenti, oltre a Horner, anche Cimolai e Durasek.

Rimpianti per Cimolai, come sottolinea lo stesso corridore friulano: “Che occasione sfumata per la caduta! Proprio nel momento in cui Sagan è finito sull’asfalto, ero in quinta posizione nel gruppo che inseguiva Navardauskas: sono stato urtato e ho dovuto mettere il piede a terra. Senza questo inconveniente, avrei colto un sicuro piazzamento di prestigio”.

“La crono di domani si correrà su un percorso non propriamente adatto alle mie caratteristiche, ma questo non significa che mi risparmierò, anzi: partirò con grande grinta per difendere il 17° posto in classifica – ha spiegato Horner – Se dovessi avere buone sensazioni, proverò a limare il divario che mi separa da Feillu. So che sarà difficile, ma tenterò”.

Per la crono, da tenere d’occhio Nelson Oliveira, campione portoghese delle prove contro il tempo.

ORDINE D’ARRIVO
1- Navardauskas 4h43’41″
2- Degenkolb 7″
3- Kristoff s.t.
4- Renshaw s.t.
38- Horner s.t.
45- Durasek s.t., 54- Cimolai s.t., 134- Serpa 5’58″, 158- Oliveira 7’57″

CLASSIFICA GENERALE
1- Nibali 85h29’33″
2- Pinot 7’10″
3- Peraud 7’23″
4- Valverde 7’25″
17- Horner  39’28″

 

Pubblicato in Tour de France

Horner scatta sull’Hautacam: un’altra posizione guadagnata in classifica

Horner scatta sull’Hautacam: un’altra posizione guadagnata in classifica

Ultima frazione di montagna al Tour de France: tappa corta, 145,5 km con partenza da Pau e arrivo in salita sull’Hautacam, dopo aver percorso a metà frazione il Tourmalet.

Prima parte di gara condotta da una fuga di 20 corridori, tra i quali non erano presenti maglie blu-fucsia-verdi.

Il gruppo dei migliori uomini di classifica non ha comunque lasciato troppo spazio ai fuggitivi, serbando le energie per dare spettacolo sulla salita finale, palcoscenico che ha offerto a Chris Horner (foto Bettini) l’occasione per inserirsi nel novero dei corridori più combattivi della LAMPRE-MERIDA: dopo le fughe dei giorni scorsi di Serpa e Durasek, il vincitore della Vuelta a Espana 2013 ha atteso le temibili rampe dell’Hautacam per piazzare un allungo partendo, a 11 km dal traguardo, dal ristretto gruppo della maglia gialla.
Allo statunitense della LAMPRE-MERIDA ha  resistito inizialmente un solo corridore, niente meno che Nibali: il duo ha proseguito assieme per un chilometro, prima che il leader della corsa si involasse verso il successo di tappa.

Horner, dopo lo sforzo dell’attacco, ha terminato la tappa al 19° posto, raggiungendo l’arrivo 4’40″ dopo la maglia gialla: con questo risultato, lo scalatore della LAMPRE-MERIDA ha guadagnato un’ulteriore posizione nella classifica generale, andando a occupare la 17^piazza.

“Partire all’attacco a inizio tappa sarebbe stato molto rischioso, considerando le alte probabilità che Nibali volesse tenere cucita la corsa per provare a vincere la frazione – ha spiegato Horner – Ho quindi preferito non inserirmi nella fuga nata dopo alcuni chilometri di gara, attendendo la salita conclusiva.
A 11 km dal traguardo c’erano le condizioni per provare un allungo: la mia progressione è stata buona, mi ha seguito solo la maglia gialla.
Sapevo che sarebbe stato molto difficile tenere le sue ruote, Vincenzo è in una condizione splendida, ho comunque cercato di tenere duro. Speravo magari che Nibali attendesse ancora qualche chilometro prima di piazzare l’ulteriore allungo vincente, così non è stato, quindi da quando Vincenzo è scattato ho dovuto gestire le residue energie”.

ORDINE D’ARRIVO
1- Nibali 4h04’17″
2- Pinot 1’10″
3- Majka 1’12″
4- Peraud 1’15″
19- Horner 4’40″
54- Durasek 19’01″, 71- Oliveira 21’45″, 116- Serpa 31’01″, 164- Cimolai 32’14″ 

CLASSIFICA GENERALE
1- Nibali 80h45’45″
2- Pinot 7’10″
3- Peraud 7’23″
4- Valverde 7’25″
17- Horner  39’28″

 

Pubblicato in Tour de France

Asta benefica per Klaudia al G...

tris

Seguire la 6^tappa del Giro di Polonia direttamente dall’ammiraglia della Lampre-Merida è il premio che attende il vincitore dell’asta di beneficenza. “Un’esperienza di questo tipo rimarrà per sempre nella memoria …

Pozzato prende il posto dell'i...

tris

Cambio nella selezione della LAMPRE-MERIDA per la Clasica Ciclista San Sebastian. Non riuscirà a essere al via della corsa basca Maximiliano Richeze: il corridore argentino sperava di potersi testare nella …

Horner capitano per il ritorno...

tris

LAMPRE-MERIDA a stelle strisce nell’agosto 2014. La formazione del team manager Brent Copeland prenderà parte, dal 4 al 10 agosto, al Tour of Utah, corsa a tappe statunitense di categoria …